lunedì 10 dicembre 2018

LAVROV SULL'UCRAINA, CRIMEA E PROVOCAZIONI NEL MARE D'AZOV









Per quanto riguarda l'Ucraina, la Crimea, l'annessione, l'occupazione e così via, non ho bisogno di fare valutazioni, perché ci sono fatti. I fatti sono che l'Occidente ha sostenuto il colpo di stato nel febbraio 2014. Germania, Francia e Polonia il giorno prima di questo colpo di stato avevano garantito l'accordo tra l'allora presidente dell'Ucraina V.F Janukovich e l'opposizione con le loro firme. Si sono rivelati incapaci. Questo colpo di stato li ha umiliati. Invece del "governo di unità nazionale" stipulato dall'accordo, questi golpisti hanno annunciato la creazione di un "governo dei vincitori"
Nei nostri appelli a Berlino, Parigi e Varsavia in ordine alle loro garanzie all'accordo, accordo che presupponeva la creazione di un governo di unità nazionale e lo svolgimento di elezioni anticipate con l'indicazione della necessità di richiamare all'ordine i golpisti che se ne fregavano delle loro garanzie, non ci hanno proprio risposto. Il primo atto adottato da questi golpisti dopo la presa illegale del potere è stata la soppressione della legge che garantiva diritti ai cittadini russofoni dell'Ucraina.
Il volto di questo potere si è rivelato chiaramente sin dai primi giorni. Due giorni dopo il colpo di stato, uno di quelli che hanno comandato le violenze durante i raduni nella piazza centrale di Kiev, il leader dell'organizzazione neo-nazista "Settore di destra" ed ora deputato della Verkhovna Rada, D. Jarosh affermò che non ci sarebbe stato nulla da fare per i russi in Crimea. Il russo non capirà mai gli ucraini e non onorerà mai gli eroi ucraini, vale a dire quelli che furono collaboratori e collaborarono con i nazisti durante la seconda guerra mondiale. Per questo, continuò D. Jarosh, il russo deve essere annientato o espulso dalla Crimea. Questo è stato l'inizio dei processi che hanno portato al referendum in Crimea e alla decisione dei crimeani di unirsi alla Federazione Russa. Questo non si deve dimenticarlo mai.
Quando ricordo questo ai nostri colleghi, compresi quelli che hanno partecipato agli eventi e che hanno messo le loro firme come garanzia per l'attuazione dell'accordo sulla soluzione della crisi politica in Ucraina del 21 febbraio 2014, dicono che questa è roba vecchia e che ora si deve fare qualcosa. Suggeriscono a noi di fare il primo passo. Non è necessario fare alcun primo passo, ma piuttosto rispettare gli accordi di Minsk.
Dato che nel 2014 i nostri colleghi occidentali hanno "mandato giù" il colpo di stato armato anticostituzionale in Ucraina, ora non possono chiedere questo potere di renderne conto anche se, da tempo, hanno compreso con chi hanno a che fare. Avendo detto una volta che questi sono democratici, i nostri partner non possono più iniziare a criticarli pubblicamente. Questo è il problema.
Il presidente Poroshenko ed il suo regime godono di completa impunità e organizzano provocazioni come quella che si è verificata all'ingresso dello Stretto di Kerch dal Mar Nero.
Letteralmente un giorno dopo questa ovvia provocazione, in una delle navi, come sapete (il Presidente russo Vladimir Putin ne ha parlato), è stato trovato il testo dell'ordine che queste persone avevano ricevuto dal loro comando. Diceva che era necessario fare tutto di nascosto senza informare le autorità russe dell'attraversamento dello stretto di Kerch nel mare di Azov. Sottolineo: segretamente.
Anche se un mese e mezzo prima di questo evento le stesse navi militari ucraine entrarono nel mar d'Azov rispettando rigorosamente tutte le norme sul passaggio dello Stretto di Kerch: ancorate richiesero i servizi di un pilota che fu loro fornito. Furono condotti attraverso lo stretto e costeggiarono il mare di Azov fino ai loro porti. Perché questa volta non hanno fatto lo stesso? C'è solo una risposta: hanno voluto provocare uno scandalo.
Il giorno dopo, il presidente dell'Ucraina Poroshenko ha dichiarato la legge marziale e tre giorni dopo, gli americani hanno dichiarato di aver bisogno di aumentare la loro presenza militare nel Mar Nero. Come da copione: l'incidente si è verificato, lo scandalo è stato gonfiato per cui è stata immediatamente imposta la legge marziale che servirà a rafforzare le speranze assolutamente futili del Presidente in carica dell'Ucraina nelle prossime elezioni. Immediatamente sono sorte iniziative in linea con le intenzioni degli Stati Uniti di aumentare la propria presenza militare vicino alle nostre coste. Se seguite la logica del "a chi giova?", trovate da voi le conclusioni.








domenica 9 dicembre 2018

PESKOV HA ASSICURATO CHE LO STATO CONTINUERA' A COMBATTERE LA POVERTA'





Il Capo ufficio stampa del Presidente ha anche elogiato il Governo per il sostegno alla stabilità economica in condizioni avverse


MOSCA, 3 dicembre TASS Il portavoce presidenziale Dmitrij Peskov ha assicurato che la lotta contro la povertà è una delle priorità più importanti delle autorità e ha elogiato il governo per il mantenimento della stabilità economica in condizioni ostili

Certamente c'è povertà. Diminuisce un po', poi aumenta leggermente ma la lotta contro la povertà è una componente permanente delle priorità del Governo e del Presidente Putin" ha dichiarato il Capo ufficio stampa del Cremlino in un incontro con gli studenti dell'Università MGIMO. Secondo lui il problema della povertà può essere risolto solo" progressivamente e sistematicamente in una prospettiva storica". "La cosa più importante qui è garantire stabilità ed eliminare brusche variazioni nell'economia, che il nostro Governo riesce a fare in termini di macroeconomia" ha affermato Peskov. "La stabilità è assicurata nonostante l'ambiente economico e politico mondiale piuttosto ostile".

Parlando di risolvere il problema della povertà nella Federazione russa, Peskov ha esortato a non collegare i prezzi del petrolio direttamente al reddito della popolazione. "Viviamo nel più grande paese del mondo in cui una popolazione straordinariamente piccola ha attraversato terribili guerre, periodi terribili nel suo sviluppo, attraversato il crollo dell'Unione Sovietica" ha ricordato, aggiungendo che "le tendenze negative della demografia pesano ancora su tutti noi". Secondo Peskov questi buchi demografici "ci inseguono, procedono con un'onda sinusoidale e andranno oltre".

Pertanto, secondo Peskov lo stato deve spendere risorse significative per correggere la situazione demografica.

Ha sottolineato come un'altra voce di costo significativa è rappresentata dalle infrastrutture, che richiedono uno sviluppo costante. "Inoltre, lo Stato, al fine di preservare ed assicurare la sua sovranità e proteggere i propri interessi nazionali, deve impegnarsi nella difesa - ed anche questo è un giocattolino molto costoso. Non ogni paese può permetterselo, ma il nostro paese non può farne a meno", ha detto il rappresentante del Cremlino. .

"Lo Stato svolge un numero enorme di funzioni, nonostante questo assolve ai suoi obblighi sociali anche nei momenti più difficili, questa è una delle priorità più importanti del Presidente Putin", ha assicurato il segretario stampa presidenziale.


sabato 8 dicembre 2018

LETTERA DEL MARESCIALLO CHUJKOV AD ALEKSANDR SOLŽENICYN IN RELAZIONE ALLA PUBBLICAZIONE DEL LIBRO «ARCIPELAGO GULAG»




Ho la Sua stessa età, nato nel 1900. Figlio di contadini del villaggio Serebrjannye Prudy, nel Governatorato di Tula. I miei antenati - lavoratori della terra. Ho dovuto lasciare la casa paterna a 12 anni non per la dolce vita ma per trasferirmi a Piter per lavorare e provare lo sfruttamento dei capitalisti. La mia ultima specializzazione – fabbro ferraio in una bottega di maniscalco. Non avevo mai pensato di diventare un militare di professione. E se fossi stato chiamato sotto l'esercito dello Zar, il mio grado più alto sarebbe stato soldato o marinaio come i miei quattro fratelli maggiori.

Ma all'inizio del 1918, su invito del partito di Lenin, mi offrii volontario per andare con l'Armata Rossa a difendere la mia Patria nativa degli operai e contadini. Per 56 anni ho servito nell'esercito sovietico. Ho il titolo di Maresciallo dell'Unione Sovietica. Comunista dal 1919. Partecipante alla guerra civile, a 19 anni ho comandato un reggimento. Ho partecipato a molte battaglie contro le guardie bianche e gli interventisti sul fronte meridionale ed occidentale fino agli inizi del 1922. Dopo la guerra civile, prima della seconda guerra mondiale ho anche combattuto contro coloro che volevano tastare con la baionetta il potere delle nostre Forze Armate.

Quando ho letto sulla “Pravda" che ai nostri giorni esisteva una persona che attribuisce la vittoria di Stalingrado ai battaglioni di disciplina, non potevo credere ai miei occhi. So che A. Solženicyn è vincitore del premio Nobel. Non capisco però quali siano le circostanze che hanno contribuito ad assegnare a lui questo titolo. Ma il Premio Nobel ha moltissimi obblighi. E' secondo me, incompatibile con l'ignoranza e le bugie.

Ho davanti a me sul tavolo un libro intitolato "Arcipelago Gulag" di A. Solženicyn. Non conosco Solženicyn che usa "fatti” inventati (cercate di verificarli!), che fornisce ai nemici della pace e del progresso una mole di bugie e calunnie contro la nostra Patria ed il nostro popolo. Non posso sopportare queste calunnie. Calunnia l'esercito che salvò l'umanità dalla peste bruna (nazismo ndt) e che merita la gratitudine di tutte le persone progressiste del mondo. Il nostro esercito è frutto del suo popolo. Insultare l'esercito è il più grande crimine contro il popolo che l'ha creato ed educato a proteggerlo contro i nemici.

A pagina 90 del volume «Arcipelago Gulag» Solženicyn scrive: «Così fu epurato l'esercito operante. Ma esisteva ancora l'enorme esercito inoperante in Estremo Oriente e in Mongolia. Non lasciarlo arrugginire era il nobile compito dei reparti speciali. L’inazione scioglieva la lingua agli eroi di Chalchin-gol e Chasan, tanto più che ora gli si lasciava imparare l'uso delle mitragliatrici Degtjarv e dei lanciabombe, fino ad allora tenuti segreti agli stessi soldati. Con una simile arma in mano era loro difficile capire perché indietreggiavamo sul fronte occidentale».

Ma davvero Voi, Solženicyn ed i Vostri amici e capi occidentali non sapete che l'esercito dell'Estremo Oriente, che voi chiamate «inattivo», dopo la guerra civile e l'intervento, ha dovuto respingere l'attacco del nemico, che ha triplicato la forza della nostra Armata Rossa e dell'intera Unione Sovietica di tre volte? Ha dimenticato le battaglie ai confini dell'Estremo Oriente nel 1929, 1938 e 1939? Solženicyn spaccia le aspirazioni di personalità occidentali e orientali come Chamberlain, Daladier, Hoover, Chiang Kai-Shek e altri che, negli anni '30, indossarono la pelle di agnello cercando di incitare i samurai giapponesi e in tal modo soddisfare gli appetiti avidi del Giappone imperiale a spese dei territori dell'Unione Sovietica.

So che nel 1941 e nel 1942 l'esercito giapponese di Kwantung si schierò due volte vicino ai nostri confini dell'Estremo Oriente in piena prontezza per un attacco. Per la prima volta l'esercito Kwantung si concentrò e schierò per un attacco nell'autunno del 1941 durante la battaglia di Mosca. La sconfitta dei nazisti sotto le mura della nostra capitale ha raffreddato l'ardore bellicoso dei samurai. Sono stati costretti a spostare le loro truppe dal confine agli appartamenti invernali. La seconda volta lo stesso esercito, ma più rinforzato, fu preparato per un attacco nell'autunno del 1942 quando la battaglia era sul Volga, vicino alle mura di Stalingrado. L'Armata del Kwantung stava aspettando un segnale per attaccare. Il segnale avrebbe dovuto essere la caduta di Stalingrado. Ma Stalingrado sopravvisse e l'esercito giapponese, avendo davanti a noi il nostro esercito dell'Estremo Oriente e avendo imparato dall'amara esperienza di Chasan e Khalkhin-Gol, non osò attaccarci ed in questa maniera non aprì un secondo fronte contro di noi in Oriente.

Voi Solženicyn e i Vostri capi esteri, a quanto pare vorreste proprio che il Governo sovietico ed il popolo aveste difeso il nostro confine orientale con il Patto di non aggressione sottoscritto con il Giappone nel marzo 1941, che nelle mani degli aggressori fosse null’altro che un pezzo di carta. Tacete, non volete deliberatamente parlare della saggezza della direzione del governo sovietico e del Comando supremo, che, nonostante le macchinazioni dei governi imperialisti, hanno distrutto i nemici uno ad uno. Prima di tutto le orde di Hitler, Mussolini, Antonescu e le altre che furono sconfitte in Occidente, che adempiendo agli obblighi nei confronti degli alleati, inflissero un duro colpo all'esercito Kwantung in Estremo Oriente, mettendo così in ginocchio il Giappone imperiale. Proseguo nella lettura della narrazione di Solženicyn.

Alle pagine 91 e 92 leggo: «Nello stesso anno, dopo i fallimenti nei pressi di Kerch (120 mila prigionieri), vicino a Kharkov (ancora di più), durante un grande arretramento nel Caucaso e verso la Volga, fu lanciata un’altra importante fiumana di ufficiali e soldati che non volevano morire e che si ritiravano senza permesso, quelli che, secondo l'immortale ordine stalinista n. 227, la Patria non poté perdonare a loro la vergogna. Questo torrente non raggiunse però il Gulag: i tribunali militari delle divisioni accelerarono il loro lavoro, mandando tutti nelle compagnie di punizione completamente assorbite nella sabbia rossa del fronte. Fu il cemento delle fondamenta della vittoria di Stalingrado. Ma non è entrato nella storia panrussa, è rimasto nella storia privata del sistema fognario».

Come ha potuto, Solženicyn arrivare ad una simile bestemmia, calunniare chi ha resistito vinto la morte?! Quanta bile velenosa deve esserci nel cuore e sulle labbra per attribuire la vittoria alle compagnie di punizione che non erano presenti né prima e né durante la campagna e la battaglia di Stalingrado. Volete perfidamente incastrare l'esercito ed il popolo sovietico davanti alla storia e davanti a tutto il genere umano. Davvero Voi e i vostri capi pensate che tutti i popoli del mondo hanno dimenticato come hanno guardato alla gigantesca battaglia tenendo il fiato sospeso, perché il suo esito rispondesse alla domanda: gli Hitleriani sarebbero andati oltre nella loro volontà di dominio mondiale o sarebbero stati fermati e respinti? La risposta a questa domanda è stata data da noi, gli abitanti di Stalingrado. I nazisti non passarono. Le loro forze di attacco furono sconfitte, perché il partito di Lenin ci cementò.




Non Vi piace l'Ordine di Stalin n. 227 che ci ha armati, tutti i combattenti, nello spietato sterminio del nemico. Ma Voi non sapete delle due precedenti decisioni ed Ordini del Comando Supremo. Non è più un segreto: il 6 luglio, al fine di ritirare le truppe del Fronte sud-occidentale da una minaccia di accerchiamento, il Quartier Generale decise di spostare queste truppe verso nuove posizioni. E si concretizzò la minaccia di accerchiamento delle nostre truppe del Fronte meridionale, il Quartier generale ordinò, il 15 luglio, di spostarle sul fiume Don. Sì, ci ritiravamo, ma ci ritiravamo per ordine del Quartier Generale e allo stesso tempo rinforzavamo le posizioni più esposte con le nostre riserve.

Il ritiro delle nostre truppe sul Don per ordine della Stavka fece sì che Hitler, i suoi ufficiali di campo ed i suoi generali, avessero già considerato l'esercito sovietico sconfitto e spostato le loro forze principali nel Caucaso. Ma quando tornarono in sé e iniziarono a rafforzare il fronte di Stalingrado, era già troppo tardi. Gli abitanti di Stalingrado respinsero più di 700 attacchi da parte di truppe selezionate di Hitler, schiacciarono la sua gente e distrussero le loro attrezzature infliggendo una schiacciante sconfitta a tutte le truppe sull'ala meridionale del fronte sovietico-tedesco.

Non vi piace l’Ordine № 227? Questo lo so. Avete su questa questione la stessa mentalità dei Generali della Wermacht. Il generale Doerr nella sua opera “Marcia verso Stalingrado”, a pagina 30 scrive: “L’Ordine di Stalin fu caratterizzato da uno stile personale: il tono paterno verso i soldati ed il popolo … Nessun rimprovero, nessuna minaccia. Nessuna vuota promessa … Ha avuto effetto. Verso il 10 agosto in tutte le parti del fronte si assistette ad un aumento della resistenza del nemico”. Nello stesso mese di agosto, il Comandante del 14mo Corpo corazzato del generale von Wietersheim comunicava a Paulus: “Le unità dell'Armata Rossa stanno contrattaccando facendo affidamento sull'intera popolazione di Stalingrado ... Sul campo di battaglia vengono uccisi i lavoratori nella loro tuta, spesso stringendo un fucile nelle loro mani intorpidite ... Cadaveri in abiti da lavoro, congelati e chini sul volante di un carro armato rotto. Non abbiamo mai visto niente del genere“.

Voi Solženicyn avete innalzato la menzogna ed inflitto un vile insulto a quelle truppe a cui il mondo intero, tutta l'umanità progressista, ha applaudito. Ricorderò le parole di queste persone onorate da tutta l'umanità. “L’Anziano di tutta la Russia”, come abbiamo amorevolmente chiamato Michail Ivanovich Kalinin, ha scritto nel suo discorso agli epici guerrieri di Stalingrado: “Durante questo tempo hai distrutto molte divisioni e armamenti nemici. Ma non solo in questo si sono visti i tuoi risultati. Il coraggio dei combattenti e l'abilità dei comandanti nel respingere il nemico han fatto si l'iniziativa del nemico fosse in gran parte paralizzata in molti settori del fronte. Questo è il merito storico dei difensori di Stalingrado “.

Avete deliberatamente dimenticato la lettera del presidente degli Stati Uniti Roosevelt, che ha scritto: “A nome dei popoli degli Stati Uniti d'America, presento questo Diploma alla città di Stalingrado per concretizzare la nostra ammirazione verso i suoi valorosi difensori, il cui coraggio, forza d’animo e dedizione durante l'assedio dal 13 settembre 1942 al 31 gennaio 1943 ispirerà per sempre i cuori di tutte le persone libere. La loro gloriosa vittoria fermò l'ondata dell’invasore e divenne un punto di svolta nella guerra dell'Unione delle nazioni contro le forze dell'aggressione “.

Confesso di essere dolorosamente preoccupato per l'insulto che avete inflitto a noi, cittadini di Stalingrado. Ve lo dico perché sono sopravvissuto a duecento giorni e notti di fuoco, tutto il tempo che sono stato sulla riva destra della Volga ed a Stalingrado. Probabilmente, secondo la Vostra opinione, io, come punito, fui nominato comandante della 62° armata, i cui meriti il nostro giornale «Pravda» scrisse il 25 novembre 1942: «Nella petizione, dove si menzionano gli eserciti che difendono Stalingrado, si sottolinea il ruolo speciale della 62ma Armata che respinge i colpi principali attacchi dei tedeschi a Stalingrado e del suo comandante, il Tenente generale, compagno V. I. Chujkov con i suoi principali assistenti, i compagni colonnello Gorochov, il maggiore generale Rodimtsev, il generale maggiore Gur’ev, il colonnello Balvinov, il colonnello Gurtyev, il colonnello Saraev, il tenente colonnello Skvortcov ed altri, oltre ad artiglieri e piloti d’aviazione».

Secondo Voi Solzhenicyn, viene fuori che le divisioni della Guardia di Rodimtsev, Gur’ev, Zholudev e altri, costituite da più del 50% di comunisti e membri del Komsomol, furono “cementate” da compagnie di punizione ?!

Ma davvero il cecchino Vasilij Zaitsev, che ha ucciso circa 300 fascisti e che è stato il primo a pronunciare le parole che hanno ispirato tutto il popolo di Stalingrado: “Non c'è terra per noi sulla Volga”, era un punito e “cementato” dalle compagnie di punizione? Sicuramente il sergente Jakov Pavlov e il gruppo di combattenti di diverse nazionalità, a difesa della casa per 58 giorni e notti che i nazisti non hanno mai preso lasciando più cadaveri intorno a questa casa di quanti ne abbiano perso nella presa della capitale francese Parigi, questi buoni difensori di Stalingrado “si sarebbero cementati” nelle compagnie di punizione?

Ma davvero, Ljuba Nesterenko, morendo sanguinante con una ferita al petto – con una benda tra le mani mentre aiutava un suo compagno a fasciarli la ferita prima di morire, ma non vi riuscì - era anche “cementata” da una compagnia di punizione o essa stessa fu una punita? Il glorioso figlio del popolo spagnolo Ruben Ibarruri è stato davvero un punito o “cementato” da una compagnia di punizione? Potrei citare centinaia, migliaia di esempi di eroismo e lealtà di tutto il popolo di Stalingrado verso il loro popolo ed il partito d Lenin. Voi Solženicyn avete osato deridere questi eroi, riversando su di loro fiumi di bugie e sporcizia.

Ripeto ancora: nel periodo dell'epopea di Stalingrado nell'esercito sovietico non esistevano compagnie di punizione o altre unità penali. Tra i combattenti di Stalingrado non c'era un solo combattente di punizione. A nome dei sopravvissuti di Stalingrado e di quelli uccisi in battaglia, a nome dei loro padri e madri, mogli e figli, condanno A. Solženicyn quale bugiardo, disonesto e calunniatore degli eroi di Stalingrado, del nostro esercito e del nostro popolo. Sono sicuro che questa accusa sarà sostenuta da tutti gli abitanti di Stalingrado.

Tutti ti chiamano bugiardo e traditore. Se vuoi assicurarti di questo vai a Stalingrado, sali sul Kurgan Mamaev e guarda il flusso continuo di persone, pellegrini da moltissimi paesi, persone di varie nazionalità salire a piedi le scale per rendere omaggio agli eroi.

E che Dio ti scampi quando dirai di essere A. Solženicyn!